Benvenuta al mondo, NF [La nascita]

La scelta su come far venire al mondo mia figlia NF è stata certamente una delle più importanti prese durante tutta la gravidanza. Scelte – quello di cui è stata fatta tutta la mia ricerca di un figlio, che poi son diventati due. I dubbi infatti non mi hanno abbandonato durante tutto quest’ultimo percorso ed ancora oggi, a nascita avvenuta, non se ne sono del tutto andati. Dopo aver rimandato per nove mesi, obbligati ormai da tempi decisamente stretti ed escluso infine il parto naturale per le ragioni già ampiamente descritte, la scelta si divideva tra parto cesareo in ospedale e in clinica privata. Nel primo caso sarebbe avvenuto venerdì 27 maggio, giorno in cui il mio ginecologo nordeuropeo lavora appunto nell’ospedale pubblico della mia città e sarebbe stato effettuato a trentotto settimane più quattro giorni. Nel secondo invece si parlava di lunedì 30 maggio, a trentanove settimane tonde tonde. La differenza sostanziale era che nel secondo caso, quello della clinica privata, mio marito avrebbe accompagnato il parto e avrebbe anche avuto la possibilità di stare con me per tutto il periodo di degenza, senza limiti o divieti, oltre ad un’innegabile comfort nell’avere una stanza tutta per me e visite con orari più flessibili. Nel primo non c’era nessuna di queste comodità, ma certamente la consapevolezza di una struttura preparata ad ogni evenienza e complicazione, ovvero una maggior sicurezza per la bambina. Credo quindi che non sia così difficile immaginare quale sia stata la nostra decisione finale, soprattutto per chi conosce il nostro trascorso e quindi il tragitto, decisamente non semplice, che abbiamo dovuto affrontare per arrivare fino a qui. 
Giovedì 26 maggio è stato un giorno lungo e agitato. Mi è sembrato di vivere per lunghissime ore in quell’esatto istante che anticipa la tempesta, in allerta. Credo che ci sia un motivo se la natura ha scelto di non preparare totalmente la donna all’arrivo del proprio figlio e di sorprenderla con le doglie. Ma ancora una volta noi la natura l’abbiamo messa da parte, perché l’unica che conosco e in cui credo è quella che mi circonda. Un giorno può rappresentare un’attesa più importante di quella fatta di settimane o mesi che lo precedono e di buono c’è sempre il fatto che, comunque vada, il giorno finisce sempre per lasciarne iniziare inevitabilmente uno nuovo. E quale giorno più incredibile esiste se non quello basato su un incontro speciale? Quale giorno può essere più grandioso di quello in cui sai che finalmente incontrerai tuo figlio? È accaduto quattro anni fa, quando mi annunciarono che martedì 3 luglio avrei portato a casa mio figlio NE ed è accaduto una settimana fa, quando ho deciso il giorno in cui sarebbe nata mia figlia NF. L’appuntamento coni miei figli è stato sempre fissato, cosa buffa considerata la possibilità iniziale che non si presentassero mai.

Venerdì ci siamo svegliati alle 5:30, per essere in ospedale puntuali alle 7:00. NE, in ferie da scuola, è rimasto a casa con mia sorella. Io, mio marito, mia madre ed una mia amica siamo partiti in direzione ospedale. L’amica in questione è una ragazza brasiliana che nei passati quattro anni ha lavorato  come infermiera proprio nel reparto maternità della struttura pubblica prescelta ed è stata una benedizione averla vicina. Se è vero che lì solo una donna può accompagnare la paziente durante il periodo di degenza e mai in sala operatoria, lei è riuscita ad essere presente in entrambi i casi. Questo non solo mi ha permesso di non sentirmi sola e di avere un supporto morale oltre che pratico prima e durante il parto, ma anche di avere l’intero filmato della nascita – che probabilmente non guarderò mai, ma che so di avere!! – e numerose foto dei primi minuti di vita della mia bambina.
L’attesa è durata qualche ora, causa sale operatorie occupate. La preparazione ha previsto due dolorosissimi buchi sui polsi per la flebo, di cui uno non riuscito, un prelievo di sangue ed un tipico cambio di abbigliamento. Una volta arrivata in sala operatoria ho trovato ad attendermi tutta l’equipe formata da vari infermieri, un pediatra neonatologo, un’anestesista, la mia amica infermiera ed infine il mio ginecologo nordeuropeo, che in questa occasione ha mostrato molta freddezza o almeno così l’ho percepita io.
Il resto è fatto di flash, nonostante fossi completamente vigile. Una me piuttosto impaurita seduta su un lettino e sotto i riflettori. Una spaventosa puntura spinale, rivelatasi meno dolorosa dell’ago per la flebo. Io che subito mi ritrovo sdraiata e comincio a perdere il controllo del mio corpo anestetizzato che trema e non smette di farlo per tutta la durata dell’intervento e anche dopo. Il freddo di quelle che mi sembrano pennellate ghiacciate sul mio corpo, io che chiedo delicatezza e vengo ignorata. Il mio braccio precedentemente ed inutilmente bucato, che di nuovo si trova a fare i conti con un ago perché l’altro sembra non funzionare. Io che faccio domande e la mia pancia che viene spinta, scossa, aggredita. Sento tutto e non mi piace. So che non è dolore, benché io lo percepisca come tale. Ho paura di qualcosa che non conosco e le mie prime lacrime non sono di commozione. Poi arriva il suo, quello di Lei, mia figlia, la mia NF ed il suo pianto trasforma il mio. Le lacrime amare diventano dolci come l’attesa che mi rendo conto essere finita e direi finalmente, ma in quel momento non sono più certa di niente ad eccezione di lei, che è vita e che continua a piangere senza sosta. Se questo in cui sto scrivendo non fosse lo schermo di un pc ma pagine di un diario, vedreste le parole che sto scrivendo sfocate dopo essere annegate in quelle che sono gocce d’emozione straripate da occhi che non riescono a contenere tutta la meraviglia degli ultimi giorni, degli ultimi anni. Occhi che guardavano il vuoto e che oggi scoppiano di vita, accecati dall’immagine dei miei bambini. Mentre la visitano chiedo se sta bene, più volte di quante mi venga risposto. Non riesco a vederla, ma la sento e non parlo solo di suoni. La sento dentro, nonostante io sia ormai tornata ad essere un involucro vuoto e accetto la violenza che continuo a sentire sul mio ventre, ancora tormentato da mani che a me sembrano feroci ed inadeguate. Guardo la mia amica, mi aggrappo a lei come se fosse un tramite. I suoi occhi vedono quello che vorrei vedere io e lei sorride, emozionata e anche un po’ scossa – mi confesserà più tardi. Mi dice che va tutto bene, che è bella e che ha tanti capelli. Questa è stata una delle poche battute che mi sono concessa durante la gravidanza, il fatto che sarebbe stata piena di capelli per via di mio marito e della sua genetica. Se ci ripenso, quanto sono stata seria sull’argomento gravidanza. Nove mesi col fiato sospeso, in attesa di poterlo tirare e ricominciare a respirare a fondo. L’ossigeno, lo stesso che mi hanno costretto ad usare durante l’operazione. Un’altra fastidiosa sensazione, tra le tante. Poi la calma sul mio corpo, in quella che ho immaginato fosse la fase in cui vengo ricucita, chiusa ed in quella sutura c’è legato il mio saluto a questa vita interiore. Il mio ventre torna un luogo oscuro, come in origine, come quando lo detestavo, come dopo averlo rivisto pochi giorni dopo allo specchio di casa. In quella stanza asettica però ancora non sapevo cosa aspettarmi dal mio corpo e la mia testa ballava una danza frenetica tra Lei e me, tra la bellezza della vita che nasce e quella di un tempo che finisce. Mi vengono fatte congratulazioni che non ascolto e mi viene portata mia figlia, appoggiata in maniera innaturale tra petto e testa. La sento sul collo e non posso vederla, quando invece ne avrei bisogno. Vorrei più di tutto darle un volto e non ci riesco ancora, intravedo dettagli e non la riconosco. Riuscirò solo più tardi a perdermi nei suoi lineamenti e a confermare la sorpresa di un volto inaspettato, fuori da qualunque mia idea o immaginazione. È diversa da me e da mio marito, è unica. La sua faccia è particolare, rotonda come la pancia che l’ha vista crescere. Labbra e occhi sfilati, il naso all’insù. Il mento sfuggente ha una piccola fossetta che nessuno della nostra famiglia possiede. Sulla fronte una lieve voglia rosa. Una descrizione disarmonica, che compone invece il volto di femmina più incredibile che io abbia mai visto. Come era accaduto la prima volta in cui sono diventata mamma, è colpo di fulmine e per la seconda volta nella mia vita mi ritrovo faccia a faccia con quel tipo di amore incontenibile che solo un figlio è in grado di far provare, un tipo di passione che non ha sesso, colore o definizione, ma che è naturale come non sempre lo sono le vie che ti portano a provarla ed inevitabile, come l’amore per qualcosa che sappiamo essere al di sopra della nostra stessa esistenza. 
Il dopo è fatto di soffitti. Distesa senza potermi muovere, senza poter alzare la testa, senza poter parlare per ore, vengo trasportata in diverse sale, fino a quella definitiva che ho condiviso con altre quattro donne, sei se si conta quelle che se ne sono andate via prima lasciando spazio ad altre due. NF viene presa più volte per essere visitata, misurata e pesata. L’attaccano al mio seno ancora vuoto più volte e viene posizionata tra le mie gambe. Abitudine ambigua, penso. Le ore passano e arriva mia madre prima, la quale trascorrerà tutto il tempo al mio fianco e mio marito Roberto dopo, presente solo in orario di visita. Mi emozione e continuo a ripetere che è bellissima, perché lo penso davvero e come ho già scritto, perché di tutti i volti immaginati lei ha certamente scelto il più bello. La guardo e mi riempio gli occhi, forse è per quello che si ha bisogno di buttare fuori lacrime penso, per lasciare entrare dentro il resto e quello che vedo io non è il resto, perché lei è l’intero. Lei, il sogno che diventa realtà per la seconda volta. Lei, la vita negata che esplode e sboccia nel nostro giardino.
Sono innamorata e lo sono follemente, dal primo istante. Temevo una reazione diversa, “accade” – mi avevano annunciato, ma non a me. La meraviglia mi ha sorpresa, probabilmente anche perché sprovvista di solide basi. Le avevo costruito un terreno dissestato, lo stesso su cui ho camminato per nove mesi così da poter giustificare una possibile caduta. Quando parti dal basso, quando ti aspetti il peggio, non può che migliorare e anche se io ci ho provato ad essere positiva durante tutto il tragitto che mi ha condotto fin qui, mentirei se dicessi di esserci riuscita del tutto. Luce e buio alternati fino ad oggi e poi l’esplosione, l’illuminazione che non si spegnerà più. Siamo completi, la mia famiglia c’è tutta o almeno la parte prevista fino ad oggi, perché al futuro non mettiamo limiti. Se così avessimo fatto, oggi non saremo in quattro, oggi non avrei tutto questo ed è un tutto enorme, infinito. 
NF è nata, arrivando così nel mondo e con eterno stupore, proprio nel mio. Un meraviglioso fiore di 3,350 chilogrammi per 49 centimetri. Ecco il peso finale, dopo tanti dubbi. Sono così emozionata, sono così grata alla vita per avermi concesso tutto questo. Come accadeva con NE all’epoca, il mio cuore sobbalza ogni volta che guardo Lei e anche Lui, che è fenomenale come fratello, come figlio e come bambino. Lui che possiede un cuore di dimensione esagerate, lui di cui vi racconterò in separata sede perché merita, perché è un argomento quello del legame tra i miei figli che mi tocca più di qualunque altra cosa al mondo.
Domenica pomeriggio siamo tornate a casa e abbiamo cominciato la vita a quattro, quella che per anni è stata una chimera e che adesso è reale, seppur coperta da un alone di magia. Se il secondo giorno di vita mia figlia lo ha trascorso piangendo in ospedale, quelli arrivati dopo sono stati davvero naturali e piacevoli. È una routine nuova per me e certamente stancante, ma il suo ritmo mangia/dormi rende la quotidianità facilmente affrontabile. La notte si sveglia ogni due, tre ore generalmente senza piangere, qualche volte devo farlo io a malincuore. La allatto e rimetto nel lettino, dove lei torna a dormire. Se non dorme, rimane comunque tranquilla. L’allattamento non è una passeggiata ed io non mi aspettavo certo fosse così doloroso. Ma dalla mia parte ho una produzione industriale di latte, tanto da dover usare gli specifici assorbenti per non ritrovarmi bagnata fino ai piedi. Evento che accade regolarmente!! La ripresa post parto invece è stata e continua ad essere la parte più dolorosa fisicamente e difficile psicologicamente. Non me lo aspettavo. Affatto. Forse ero partita impreparata, forse avevo preso alla lettera chi dice che è un parto indolore, forse non ho mai accettato del tutto la scelta di un cesareo programmato, fatto sta che non mi aspettavo niente di quello che è accaduto dopo. Non mi aspettavo di trovarmi con una pancia enorme, poco meno grande di quella che conteneva la vita. Non mi aspettavo che la ripresa fosse così lenta e che in casa fosse più difficile che in ospedale, dove grazie alla morfina ero in piedi già la sera stessa. Non mi aspettavo fitte di dolore forti come pugnalate e bruciori di ferite interne invisibili ma presenti. Non mi aspettavo un taglio chirurgico così grande sul pube. Non mi aspettavo di gonfiare come mai è accaduto in gravidanza, sull’addome, sulle gambe e anche sulla schiena. Non mi aspettavo di montare sulla bilancia e trovare un peso superiore a quello preso in nove mesi. Non mi aspettavo di guardare lo specchio e vedere riflessa l’immagine di un corpo scomposto, l’abbozzo di una figura che non riconosco e che trovo priva di armonia e di senso. È un corpo informe che trova giustificazione solo quando stringo tra le braccia la creatura che motiva questo cambiamento. Non mi aspettavo di partorire e ritrovare all’istante il mio vecchio corpo, ma non mi aspettavo nemmeno di vederlo peggiorare in maniera così significativa. Dolore e metamorfosi creano sconforto ad una donna, noi che passiamo la vita cercando di piacerci al massimo, noi che in fondo in fondo siamo tutte un po’ vanitose.
Ne vale la pena, è ovvio. I figli valgono qualunque sforzo, sacrificio, rinuncia, cambiamento o lotta. Non è facile, è altrettanto ovvio. Perché il parto cesareo è un intervento invasivo e la ripresa è lenta, senza sconto sulla sofferenza. 
Lei è la risposta a qualunque domanda su quello che è accaduto o che ho provato. Una settimana fa mi aspettava l’ultima notte con la pancia, dentro la quale dormiva beata mia figlia. Oggi quella stessa meravigliosa creatura dorme al lato del mio letto, sotto i miei occhi. Un attimo e la vita cambia ancora una volta. Un attimo e una pancia si trasforma in vita. Un attimo e una mamma moltiplica il suo amore per i figli che possiede.
Sono felice. 
“Mettere al mondo un bambino è un’esperienza talmente profonda e misteriosa che da sola riesce a dare alle donne una conoscenza sufficiente della verità.”
[Banana Yoshimoto – Il coperchio del mare]
 

(Visited 272 times, 3 visits today)

93 Comments

  1. Nia giugno 3, 2016 at 8:34 am

    E' bellissima, complimenti.
    Nelle parole che raccontano il tuo parto e il post parto mi riconosco molto. La mia seconda bambina è nata con un cesareo, anche se non programmato, e posso assicurarti che tutte le tue sensazioni sono normali, almeno per me.
    Buona vita!

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:01 pm

      Mi conforta molto sapere di non essere sola, anche se passati i primi dieci giorni comincio a sentirmi decisamente meglio!!
      Grazie mille.

      Reply
  2. IlMondoRotola giugno 3, 2016 at 9:09 am

    È bellissima davvero.
    Ti seguo da tanto in silenzio, e vi auguro moltissimo bene!
    Io ho avuto bisogno di molto più tempo, sia di testa che corpo, dopo il primo cesareo piuttosto che il secondo nato naturalmente. È faticoso è normale che lo sia, coccolatevi e vivete il momento.
    Cate

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:03 pm

      Vedo che i tempi lunghi di ripresa dopo un cesareo sono cosa comune. Mi conforta il fatto di sapere che un parto normale è possibile anche dopo… Se posso chiedere, quanto tempo è trascorso tra i due parti?

      Reply
    2. IlMondoRotola giugno 14, 2016 at 8:37 am

      quattro anni ma si fa' anche con molta meno distanza. Spero tu ti senta meglio!

      Reply
  3. Cecilia e Sabrina giugno 3, 2016 at 9:48 am

    Piango. Aspettavo ansiosa questo post, aggiornando questa pagina più e più volte al giorno. Benvenuta bellissima Nina Flor. Che meraviglia Eva. Sono immensamente felice per voi, il mio cuore è colmo di gioia. Lascia andare i ricordi poco piacevoli, tutto passa….e poi lo sappiamo che le strade in discesa non fanno per voi hihihihih.

    Buona vita fantastici quattro!
    Ti abbraccio forte forte

    Ceci

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:06 pm

      Hai perfettamente ragione, le cose facili non ci piacciono proprio… 😉
      Adesso, per fortuna, va già decisamente meglio!!
      Grazie per l'affetto

      Reply
  4. Licia Zarcone giugno 3, 2016 at 10:41 am

    La cosa incredibile è che ogni giorno che passa tutto riesce a diventare sempre piú bello e magico <3
    Benvenuta piccola NF, che il sole ti risplenda sempre in viso!

    Reply
  5. Babi giugno 3, 2016 at 11:14 am

    Mio dio è meravigliosa hai due figli stupendi,siete una famiglia bellissima.piano piano ti riprenderai anche fisicamente…tanti tanti auguri.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:08 pm

      Grazie mille per i complimenti e per la forza. Sto già molto meglio, per fortuna.

      Reply
  6. silvia giugno 3, 2016 at 11:31 am

    Siete bellissimi! E' una felicità conquistata con sudore ma ora finalmente è arrivato il momento di goderne appieno! Io sono ancora nella fase pma…quindi spero di avere anche io un po' di fortuna ed arrivare a questo straordinario giorno!
    Un abbraccio grande

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:13 pm

      È il nuovo inizio che arriva dopo un lungo viaggio. Spero che il tuo sia breve e, per quanto possibile, piacevole. Spero che il tuo sogno si realizzi presto.
      In bocca al lupo. Ti abbraccio.

      Reply
  7. ♥Sara♥ giugno 3, 2016 at 11:45 am

    Congratulazioni!!!! ma cone si chiama questa bellissima principessa??

    Reply
  8. Mary giugno 3, 2016 at 12:49 pm

    È bellissima e nn è una cosa scontata, fidati 😂
    Allattala a più nn posso e vedrai che la pancia sparirá in fretta. La natura è perfetta anche in questo.
    Tanti auguri mamma bis 😙

    Reply
    1. Mary giugno 3, 2016 at 12:59 pm

      Aggiungo…. perchè un "po'" di natura qui c'è ☺

      Reply
    2. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:17 pm

      Sto allattando tanto e confido nel tempo… Vediamo se in questo caso la natura verrà in aiuto!!
      Grazie per il complimento 🙂

      Reply
  9. Virgi giugno 3, 2016 at 12:52 pm

    Sai sempre usare le parole giuste per svelarti e raccontarti, riuscendo a renderci partecipi della vostra vita, e noi non possiamo che gioire con voi per questo splendore di bambina. Ogni augurio va a lei, che possa avere una vita bellissima e piena d'amore, e a voi, mittenti e destinatari allo stesso tempo di questo Fiore.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:19 pm

      Che bello. Questa è una di quelle occasioni in cui il bisogno di mettere tutto nero su bianco è stato davvero forte!!
      Grazie per l'affetto

      Reply
  10. GiorgiaLand giugno 3, 2016 at 1:03 pm

    E' bellissima! Comunque io trovo che assomigli a tuo marito un po'

    Reply
  11. Ellie giugno 3, 2016 at 1:19 pm

    Quanta commozione! !!! È nata! !!! È bellissima! !!! Tutto d'ora in poi sarà un'avventura infinita da scoprire! !!!!!! 🙂

    Reply
  12. Laura giugno 3, 2016 at 1:51 pm

    Che meraviglia!!! Sarà che aspetto il secondo ma la foto che mi ha fatto fare un tuffo al cuore col groppo in gola è stata quella con NE! Per l allattamento ti dirò anche x me non è stato facile x nulla, ingorghi mastiti e ragadi enormi. Se posso in punta di piedi darti un consiglio è fatti seguire bene x l'attaccamento al capezzolo e stai più possibile a seno scoperto! Se possibile usa coppette assorbì latte lavabili perché il seno ha bisogno di traspirare e di restare sempre asciutto! (Rimanendo umido le ragadi peggiorano).. Ho usato mille cose ma questi sono i consigli che terrò da conto per il prossimo "turno!". Ah sì, dimenticavo, alla fine ho allattato 21mesi!:-)

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 8, 2016 at 9:29 pm

      Anche io amo quella foto!!
      I consigli sono graditissimi. Sto cercando di tenere il seno all'aria il più possibile, ma produco una quantità di latte esagerata che mi obbliga ad usare anche assorbenti per seno. Sono alla disperata ricerca di coppette lavabili, ma sembra davvero complicato trovarli qui!! Chiederò consiglio anche per migliorare l'attaccamento…
      Grazie mille e congratulazioni per la tua gravidanza <3

      Reply
  13. Baby1979 giugno 3, 2016 at 1:54 pm

    Congratulazioni!!! I tuoi figli sono bellissimi! <3

    Reply
  14. Mary giugno 3, 2016 at 2:35 pm

    Purelan 100 Medela ovvera Lanolina per rigenerare i capezzoli ☺ un toccasana. Cosi superi i primi dolori, che poi magicamente spariscono

    Reply
  15. Anonimo giugno 3, 2016 at 3:02 pm

    Felicitazioni a tutti e tre!!! NF è bellissima!!!! Tra meno di due mesi toccherà a me,non vedo l'ora scattare la foto dei due fratellini insieme,sono bellissimi i tuoi bimbi insieme…un abbraccio,Eleonora mamma di Edoardo e di Sofia in pancia

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 9, 2016 at 5:53 pm

      Congratulazioni!! Immagino l'impazienza e l'emozione dopo sarà ancora più grande…
      Un abbraccio

      Reply
  16. Chiara giugno 3, 2016 at 8:02 pm

    Siete amore puro. Siete una meraviglia! Ti ho scritto per la prima volta nel tuo ultimo post con la pancia…mai e poi mai mi sarei permessa di pensare che l'incontro con il tuo fantastico bambino possa essere stato meno speciale di questo con Lei. Quando ho scritto più speciale e più prezioso mi riferivo all'unicità che ogni figlio porta con se.
    Un abbraccio. Chiara

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 9, 2016 at 6:04 pm

      Ciao Chiara!!
      Grazie per essere tornata a scrivermi e anche io ci tengo a puntualizzare la mia risposta nell'altro post. Purtroppo molto spesso vedo dare all'esperienza di questa gravidanza maggiore importanza, mi vengono fatti discorsi nei quali viene sottolineato che il legame con mia figlia sarà più forte e questo sempre da persone che non hanno provato entrambe le esperienze. Dopo anni di discorsi fuori luogo, sono diventata molto sensibile all'argomento, mi fa molto male sentire sminuito il rapporto con mio figlio. Non parlo di te, sia chiaro, eppure spesso mi trovo a voler sottolineare l'unicità e la bellezza del legame creato con mio figlio, anche quando non ce ne sarebbe realmente bisogno.
      Un grande abbraccio

      Reply
  17. sandra giugno 3, 2016 at 8:25 pm

    Che racconto meraviglioso, Eva! Sei riuscita a trasmettere tutta l'emozione e quell'essere travolti da una nuova vita che nasce e prende spazio. Grazie, sono estremamente e profondamente commossa. Sandra quella dei libri con un abbraccio a voi quattro così speciali, così stupendamente normali.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 9, 2016 at 6:10 pm

      Altrettanto meraviglioso è il tuo commento, Sandra. È sempre una grande gioia trovarti qui!

      Reply
  18. Silvia giugno 3, 2016 at 8:26 pm

    Ho scoperto il tuo profilo per caso su Instagram
    Sarà perché la tua città poteva diventare la mia 4 anni fa, sarà che mi sono emozionata a leggere di te e della tua famiglia, sarà che il tuo modo di scrivere è così coinvolgente
    Leggere la tua parte sul post parto e sull'allattamento mi ha fatto rivivere quello che ho provato io 18 mesi fa quando è nata mia figlia.
    Ti auguro tanta felicità
    Buona avventura

    Silvia

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 9, 2016 at 6:14 pm

      Che coincidenza la storia della città che avremmo potuto condividere…
      Grazie per le belle parole e mi dà forza sapere di non essere stata l'unica a vivere certe esperienze!!
      Buona vita a voi. Un abbraccio

      Reply
  19. Squa giugno 3, 2016 at 8:53 pm

    mamma mia quanto è bella!!
    nn riesco a dire altro chè ho gli occhi appannati
    ma devo tornare per scriverti

    Reply
  20. Marzia giugno 3, 2016 at 9:34 pm

    Benvenuta piccola Nina Flor! Sono capitata sul tuo blog due volte per caso,così dopo aver letto finalmente che eri sulla strada a lungo desiderata ho iniziato a seguirti fino a scoprire oggi la stupenda notizia! Anche io quasi cinque mesi fa ho partorito la mia piccola con un cesareo d'urgenza e leggendoti mi sono emozionata di nuovo così tanto!!..é difficile tradurre tutto in parole ma tu ci riesci bene. Grazie per aver condiviso questo con noi. Buona strada famiglia!!

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 9, 2016 at 6:18 pm

      Sono felice che tu mi abbia incontrata lungo la strada e leggere di altre esperienze mi trasmette tanta forza in questo momento.
      Grazie a te per essere passata di qui ed avermi lasciato un messaggio così carino.
      Un abbraccio

      Reply
  21. Marcella giugno 3, 2016 at 9:57 pm

    Benvenuta NF nella tua famiglia. Sei uno scricciolo delizioso 🙂 e sei circondata da infinito amore: che la vita continui sempre a sorriderti…
    Eva un abbraccio affettuoso, anche se ti conosco solo tramite queste pagine

    Reply
  22. Anna giugno 3, 2016 at 10:27 pm

    Piango.

    Reply
  23. Monique giugno 3, 2016 at 11:34 pm

    Sono felice, sinceramente e totalmente felice per te! Mi sono commossa nel leggerti, questo è il più straordinario finale che la storia del tuo percorso alla ricerca dei tuoi figli potesse avere. I tuoi sacrifici, la tua forza, la tua caparbietà ti hanno permesso di abbracciare i tuoi due figli. È quanto sono meravigliosi !
    Grazie Eva per aver condiviso questo tuo percorso e per renderci partecipi di un momento così speciale!
    Benvenuta piccola fortunata Nina Flor!

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 10:38 am

      Grazie a te Monique, per avermi accompagnata durante questo viaggio e per queste parole gentili, cariche di sincero affetto.
      Ti abbraccio forte

      Reply
  24. Sempre Mamma giugno 4, 2016 at 6:56 am

    Ohmammacheemozione. Detta così tutto d'un fiato.
    Aspettavo questo post con ansia e positività ben miscelate.
    Buona vita NF che il mondo ti sorrida ogni giorno .
    Un forte abbraccio e un bacione a te, mamma meravigliosa.
    La pancia e il gonfiore se ne andranno. Stai scialla 😉 direbbe mio figlio 23enne.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 10:46 am

      Allo stesso modo io aspettavo le tue parole che mai sono mancate durante tutto il mio viaggio!! Sto cercando di trovare un grazie che valga più di quello appena scritto, perché davvero sei stata preziosa per me.
      Gonfiore passato, la pancia migliora lentamente e cosa più importante, io comincio a sentirmi bene 🙂 Tuo figlio indirettamente mi ha dato un ottimo consiglio!!
      Ti abbraccio

      Reply
  25. Valentina M. giugno 4, 2016 at 7:35 am

    Appena ho visto la foto della bimba nella preview mi sono fiondata qua.
    Ma..è bellissimaaaa *-* anzi, direi che sono bellissimi insieme. La loro foto coricati mi è piaciuta tanto! Ti faccio tanti auguri di felicità 🙂

    Reply
  26. Bean far away giugno 4, 2016 at 8:05 am

    Cara, congratulazioni. Specchio e bilancia vietati almeno per un po', sono due stronzi. Guarda solo lei.

    Reply
  27. Livia giugno 4, 2016 at 9:02 am

    Non potevate farla più bella!!!! Sono felicissima per voi!!! Peccato che l'equipe non abbia curato meglio il lato umano del parto, ma pazienza è andata..riposa e coccola l'adorabile NF da parte mia.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 1:29 pm

      In effetti basterebbe poco per rendere anche un parto cesareo più confortevole per una donna. Comunque sia andata, ogni volta che guardo Lei so di aver preso la giusta decisione.
      Grazie, Livia.

      Reply
  28. kris giugno 4, 2016 at 9:51 am

    È bellissima NF!!! E anche se il parto è stato un po' così 😞 è il finale che lo te lo farà dimenticare!!!! È stato bello condividere con voi questi mesi di attesa e aspettative e grazie di averlo fatto!! Vi auguro ogni bene e felicità ❤️ E sono sicura che i tuoi bambini sono molto fortunati ad avere una mamma come te che li ha aspettati con tanta pazienza e amore!
    Un bacio 😘

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 1:52 pm

      Grazie di cuore per avermi accompagnata e grazie per l'affetto che mi hai costantemente dimostrato. Il tuo pensiero è bellissimo!!
      Un grande abbraccio <3

      Reply
  29. Anonimo giugno 4, 2016 at 11:43 am

    Per far passare ragadi
    lavare bene capezzoli
    asciugarli con il fon freddo
    Lasciare all aria il seno
    ro

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 1:54 pm

      Ottimi consigli, grazie!!
      Tutto fatto, il seno è ancora sensibile ma niente ragadi 🙂

      Reply
  30. Anonimo giugno 4, 2016 at 3:51 pm

    cara Eva,
    lo ammetto:la foto di NE e NF insieme mi ha rapita, stupenda nella sua semplicità e tenerezza. Mi dispiace, ha superato anche la foto con la mamma hihihi 🙂
    felicissima per voi, appena vista la notizia della nascita ho chiamato un'altra mia amica che ti segue, per avvertirla, insomma ormai sei una di famiglia! ***
    un abbraccio grande
    A

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 1:56 pm

      Concordo pienamente, la foto dei miei figli insieme è la più bella 🙂
      Mi ha commosso sapere di essere in qualche modo presente nella tua vita ed in quella della tua amica, tanto da correre a dirlo a mio marito… Bellissimo!!
      Grazie di cuore per tutto. Ti stringo forte

      Reply
  31. Anonimo giugno 5, 2016 at 1:51 am

    Dopo un travaglio per preparare un parto naturale anch'io ho avuto, all'ultimo memento, un parto cesareo (seguito da un altro parto cesareo per il secondo figlio per precauzione) Il travaglio è molto doloroso ma anche il cesareo lo è e lo è per varie settimane. Pur con la pancia fasciata stretta per tre giorni non riuscivo quasi a muovermi nel letto, inoltre mi tennero a digiuno per i tre giorni successivi al parto, cosa pesante da sostenere per me magrissima e con un metabolismo veloce. Il dolore per i tagli interni ed esterni mi ha accompagnato a lungo e solo dopo un mese sono riuscita a lavarmi i piedi da sola senza quasi sentire dolore. Il tutto condito con una spossatezza che, anch'essa, ha richiesto un mese per passare. Il cesareo non è una passeggiata. Neanche il parto naturale lo è ma io invidiavo molto le mie compagne di stanza in ospedale che il giorno dopo aver partorito erano ritornate se stesse mentre io avevo il terrore di dover tossire o sternutire o ridere soffiarmi il naso perché poi vedevo le stelle. Forse per me è stato particolarmente doloroso perché l'intervento, deciso quando la dilatazione dell'utero era avanzata, ha costretto il medico a praticarmi un taglio verticale, dall'ombelico al pube, perché più rapido. Però, insomma, è tutto normale ciò che vivi, è così che ci si sente e non è frutto di un tuo particolare modo nell'aver affrontato il cesareo. Stai tranquilla e goditi i tuoi meravigliosi figli, entrambi bellissimi.
    Un abbraccio da una sconosciuta
    Mila

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 10, 2016 at 2:09 pm

      Condividere esperienze così intime ed importanti mi è di grande conforto, perché solo in questo modo ci si rende conto di non essere sole e soprattutto di non avere l'esclusiva su sensazioni ed emozioni non facili da accettare. La prima settimana dopo il parto è stata terribile, sia fisicamente che mentalmente. Due settimane dopo posso dire di sentirmi decisamente meglio e anche il mio corpo sembra essersi risvegliato e pronto a darsi da fare per tornare in forma, qualunque cosa voglia dire dopo una gravidanza. Non mi aspetto miracoli e quello che conta adesso è che Lei stia bene, Lei che ogni giorni mi ricorda di aver comunque preso la giusta decisione.
      Grazie per avermi scritto, per esserti raccontata e per avermi ricordato che quello che provo è tutto normale.
      Ti abbraccio forte, Mila.

      Reply
  32. Anonimo giugno 5, 2016 at 10:54 am

    Eccola finalmente è arrivata la tua bimba!!! Ti ho seguita sempre non ho più commentato ma ho sempre tifato x voi!!! Buona vita a questa splendida famiglia! Valexxx

    Reply
  33. Miele giugno 5, 2016 at 1:23 pm

    Leggo ora e mi lascio andare anche io a lacrime di commozione, di gioia, di gratitudine per la vita che finalmente ha fatto la cosa giusta. Non ho parole commoventi per voi oggi, solo dolcezza e amore per questa meravigliosa famiglia che ho nel cuore. Vi voglio bene …

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 17, 2016 at 2:51 pm

      Ne hai usate tante per me, per noi e tutte bellissime. Il tuo affetto arriva comunque.
      Vi voglio bene anche io…

      Reply
  34. FRAlaCOZZA giugno 5, 2016 at 8:00 pm

    9 mesi col fiato sospeso…9 mesi tutti di un fiato e poi è nata una perla. Sono in un mare di lacrime di gioia e di pace…Brava Eva, brava. È andato tutto bene, tua figlia è la bambina più meravigliosa che io abbia mai visto. Sono felice. Oggi anche io. Vi abbraccio forte tutti 4.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 17, 2016 at 2:54 pm

      Ci ho pensato un bel po', eppure non ho trovato le giuste parole per ringraziarti. La tua presenza è un regalo enorme, credimi ed è bellissima oltre che per nulla scontata la tua felicità condivisa con noi.
      Ti abbraccio come se fossi una sorella.

      Reply
  35. FRAlaCOZZA giugno 5, 2016 at 8:03 pm

    9 mesi col fiato sospeso…9 mesi tutti di un fiato e poi è nata una perla. Sono in un mare di lacrime di gioia e di pace…Brava Eva, brava. È andato tutto bene, tua figlia è la bambina più meravigliosa che io abbia mai visto. Sono felice. Oggi anche io. Vi abbraccio forte tutti 4.

    Reply
  36. Anonimo giugno 6, 2016 at 8:43 am

    Hai perfettamente ragione … i figli valgono ogni sforzo rinuncia e sacrificio, vi auguro una buona vita mie combattenti vincitrici di una battaglia ormai terminata.
    Siete meravigliose.

    Valentina

    Reply
  37. Lia Rambaldi giugno 6, 2016 at 12:05 pm

    Siiiiiiiii, meravigliosa Nina Flor, che emozione grandissima!!!
    Bellissimi tutti voi ed ora godetevi il Paradiso!!! :-))))
    Un grandissimo abbraccio
    p.s. tranquilla, presto tornerai come prima, fisicamente parlando, invece per la testa non c'é soluzione, resterai innamorata a vita!!! Bacio

    Reply
  38. vanessa giugno 7, 2016 at 7:51 pm

    Congratulazioni! !!
    Erano mesi che non commentavo. Ma tu ho sempre seguita in silenzio e facendo il tifo per voi!
    Hai fatto bene a scegliere l'ospedale con neonatologia più forte!
    Per l'allattamento fatti seguire da un'ostetrica o da una consulente .
    Io ricordo ancora la sensazione di sollievo quando l'infermiera del consultorio ha spostato di pochi cm il braccio di mia figlia: da fitte dolorose ad ogni poppata alla dolce sensazione di un neonato che ciuccia. Giuro, una cosa sconvolgente!
    Per il "lavaggio" … Prima o poi la produzione di latte si assesta
    Intanto asciugamano nel letto e w i programmi brevi di lavaggio 😘 col sole che avete vai di pigiama lavato tutte le mattine e pronto alla sera !

    Ultimo consiglio non richiesto… Ci vuole tempo per recuperare energie e forze. Un tempo si parlava dei 40 giorni di puerperio. In effetti sono un periodo ragionevole da darsi per riprendere energia. Spero che tua mamma possa fermarsi un po' di tempo per darti una mano.
    Benvenuta alla piccola NF e scusa il papiro.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 17, 2016 at 3:10 pm

      L'allattamento va decisamente bene, lei ha ripreso il giusto peso ed il mio seno non è troppo dolorante. La produzione di latte continua in grandi quantità, io continuo a dormire avvolta da asciugamani che cambio ogni poche ore 🙂 Il mio corpo comincia a riprendere forma, seppur diversa da quella iniziale ed io mi sono concessa tempo. Mia madre rimarrà fino ad inizio agosto, per fortuna!!
      Grazie per tutti i consigli, Vanessa. Un abbraccio

      Reply
  39. Unknown giugno 9, 2016 at 7:19 am

    Finalmente ti leggo positiva te lo volevo dire ma la mia rocambolesca gravidanza non era d esempio, auguro anche a un altro bambino di diventare tuo figlio ce ne sono talmente tanti che aspettano una madre come te con lo spirito materno alle stelle, auguri, micky

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 17, 2016 at 3:12 pm

      Troppe emozioni accompagnate da timori durante la gravidanza, per dare spazio alla positività. Adesso va decisamente meglio, anche se essere mamma comporta altri tipi di pensieri… 🙂
      Spero anche io che il futuro ci riservi ancora sorprese!!

      Reply
  40. Mìgola giugno 14, 2016 at 1:51 pm

    La bimba seria e bellissima del mio sogno è arrivata a destinazione e ne sono felice! Il maschietto che profumava di biscotto è nato invece il 5 giugno in Italia. Uno lo ho abbracciato e sono riuscita a salutarlo chissà che un giorno non riesca ad incontrare Nina…vi abbraccio forte forte. Buon viaggio.

    Reply
    1. Il Frutto Della Passione giugno 17, 2016 at 3:15 pm

      Che meraviglia!! È proprio il caso di dire un sogno che diventa realtà… anzi due.
      Grazie per aver alimentato la mia speranza e speriamo che l'incontro sia possibile prima o poi. Un abbraccio enorme a te e al maschietto che profuma di biscotto.

      Reply
  41. Ciccola giugno 19, 2016 at 6:15 pm

    Non avevo ancora avuto il tempo di leggere questo splendido racconto, ho i lacrimoni perché sono felice per te. Per voi. Ti abbraccio forte forte.

    Reply
  42. Lavinia giugno 20, 2016 at 8:26 am

    Hai 2 figli splendidi. Ti meriti tanta serenità. Un abbraccio fortissimo

    Reply
  43. Anonimo giugno 21, 2016 at 6:19 am

    eva, non riesco a commentare su istagram spero che tu legga qui… se n.f. sta sempre attaccata i motivi possono essere molti e non solo la mancanza di latte. puo' essere un salto di crescita, la cosa piu' probabile, o anche che stia recuperando il tempo in cui sei stata male e, quindi, meno presente. insomma, pensare che il nostro latte non basti e' la trappola in cui cadiamo spesso, ma questo e', una trappola. non ti scoraggiare e non preoccuparti, e' una fase. se puoi approfittane per sdraiarti e riposarti, la mastite ha molto a che fare con la stanchezza. non farti prendere dall'ansia di alzarti per n.e., anche per lui va bene cosi', lasciarti riprendere e avervi in forma al piu' presto. un abbraccio
    anna

    Reply
  44. Unknown giugno 23, 2016 at 4:39 pm

    Eva cara,leggendo il tuo post…mi ripetevo (io che sono una fifona cronica, che ho una paura folle degli ospedali, che per un prelievo vado in arresto cardio respiratorio) non so se ce la farò mai a partorire…credo non sia fatto per me, nonostante io desideri un figlio, soprattutto ora che per problemi non possiamo averne.
    Nonostante mi facesse tanta impressione leggere quello che hai scritto, ho continuato con la voglia di leggere il bellissimo finale. leggendo leggendo sono arrivata alle foto del tuo splendido frutto e giù lacrime, lacrime di stupore di gioia e soprattutto la paura svanita per il compenso di una meraviglia così, tutto svanisce

    Reply
  45. Alessia agosto 8, 2016 at 3:14 pm

    Mi sono imbattuta nelle tue foto, nei tuoi post…e subito ho vissuto a ritroso la tua vita piena di passione e amore. Che bella famiglia che siete, e che forza! In questo tuo posto del cesareo mi rivedo anche io 2 anni fa, come te posso sentire il freddo del lettino, sento le mani che mi strattonano, movimenti bruschi…non vedo mio figlio, lo sento e basta…e sento dolore, tanto dolore, forse per l'anestesia che era svanita, o per la stanchezza delle 13 ore di travaglio…me lo portano un attimo, giusto il tempo di guardarci negli occhi. E' stata una sofferenza…un esperienza non proprio piacevole. Nelle tue parole l'ho rivissuta, e da una parte mi sono sentita confortata, finalmente capita da una che ha provato come me…ciao Eva.

    Reply
  46. pamela fiorin settembre 2, 2016 at 1:53 pm

    Anche se sapevo già che era andato tutto bene, leggendo questo post mi sono emozionata e ho versato lacrime di felicità per te , e speranza per me.

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *